Giorni difficili

Mi chiedo come faccia e dovi trovi la forza necessaria per reagire…

In effetti la cerco dentro di me, mi autoconvinco di averne, a profusione, inesauribile.Oggi, stasera soprattutto e’ stata una giornata molto difficile. Devo fare i conti con la realta’ che giorno dopo giorno si fa sempre piu’ invadente ed invasiva. Vorrei cambiarla, ma non si puo’. E’ gia’ determinata ed inevitabile, purtroppo. Una condanna emanata senza possibilita’ di appello. Li’, l’incudine, oscilla, sempre piu’ vorticosamente, pericolosa e impressionante. A volte sono intimorita, a volte piango, ma poco, perche’ non mi aiuta a sfogare tutto. Meglio far uscire le lacrime di rabbia in altri modi. So come e lo faccio sempre piu’ spesso. D’altra parte devo trattenermi in tanti momenti della giornata, io cedimenti NON ne posso avere, non mi e’ permesso, e questa e’ la cosa che fa piu’ male. Non poter essere umani, dover essere sempre al top della forma, sempre al top dell’umore, perche’ da quello dipende lo star bene di un’altra persona. Questo ti debilita piu’ di una corsa olimpica ad ostacoli. Perche’ ti stanca dentro. Allora scrivo, scrivo, scrivo. Deliro, si, parecchie volte, ma non so come altro fare. Parlarne non riesco. Non riesco a sopportare i finti sguardi affranti di alcune persone, i toni melensi e comprensivi di chi non capisce un cazzo, l’accondiscendenza perfida della gente maligna. Meglio un sano post nel blog, dove posso mandare dove si meritano tutti i suddetti, o uno splendido giro in moto nella fredda aria di Gennaio, dove tutta me stessa si fonde con il ferro e il carbonio, uscendone ritemprata per osmosi. E che il domani sia migliore….

Written by:

Mamma, webmaster, grafica, drogata di motori e felide bastarda.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.