Hope

Non puoi smettere di sperare che quella camera sia di nuovo abitata ogni sera.
Nè di mettere quel piatto in più, ad ogni tavola che prepari.
Non puoi smettere di pensare a cosa farete insieme.
Nè cercare una casa diversa che non abbia spazi anche per lui.
Io non ce la faccio a smettere di sperare.
Non è una mia mancanza, un difetto, un’illusione, tantomeno una mera utopistica e cattolica idea di un miracolo.
Non sappiamo cosa ci nasconde il domani, quali novità, progressi o cambiamenti a cui dovremo far fronte.
Può dirmelo anche l’imperatore Jedi di tutte le galassie, dall’alto del suo trono e della sua saccenza, ma io non abbandonerò mai l’idea che mio figlio un giorno possa tornare a vivere con me. Magari a cent’anni, quando pure lui sarà vecchio allora forse si, la speranza la abbandonerò. Ma ora no.
E nessuno può impedirmi di svegliarmi ogni mattina con la speranza che ci sia anche un piccolo miglioramento, che un farmaco o l’altro abbiano fatto finalmente effetto togliendogli un disturbo. E’ un mio diritto e lo rivendico.
E’ giusto che un medico mi prepari al peggio, è etico ed è un suo dovere.
Ma io no. Non mi rassegnerò. MAI.

Written by:

Mamma, webmaster, grafica, drogata di motori e felide bastarda.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *