Liberamente tratto…

dal Rifugio, il post della peculiare Sindrome di Fido :-)

No, tranquilli, non è una discussione sull’ultima dissenteria canina.

La Sindrome di Fido a.k.a. S.F. ™® colpisce indistintamente uomini e donne, non risparmia nessuno.
E’ una malattia molto triste, soprattutto per chi dall’esterno osserva i malati. Affligge, solitamente, la parte debole di un anello relazionale, in taluni casi sporadici anche persone extra rapporto.
L’esempio tipico dell’uomo “servo della gleba” è una delle sue manifestazioni più lampanti.
Tuttavia il ceppo più sibillino della malattia è quello conclamato nei casi di Troia impenitentis , nome similsuino, in realtà correlato alla peggior specie di donne esistenti al mondo, chiaramente sovrapponibili al Puttanier impenitentis , la controparte maschile.
Ma torniamo a soffermarci sull’universo rosa.
La malata, affetta da S.F. ™®, insegue senza tregua, apertamente o in maniera viscida e tipicamente “sotterranea” il malcapitato oggetto del desiderio, totalmente noncurante della reazione suscitata, sia essa negativa o positiva. L’aspetto della tapina è a dir poco vomitevole, se non comico a tratti, ed oltremodo patetico. Scodinzola, mostrando le terga incessantemente, pregna di sicurezza malcelata alternata a crisi esistenziali concomitanti alla parvenza di rifiuto, alla sfrenata ricerca di un rapporto, sessuale o meramente riproduttivo, con il suo obiettivo ossessivo.
Ci sono diversi metodi di cura a tuttoggi collaudati con ottimo esito, nonostante alcune controindicazioni che elencherò di seguito:
– Metodo invasivo : comporta in parecchi casi la reclusione immediata del “medico curante”. Di solito viene invocato a gran voce dal malcapitato/a target del malato e consiste nella sua totale eliminazione dal pianeta. Di sicuro successo, malgrado i rischi elevatissimi, è troppo poco praticato.
– Metodo elusivo : assolutamente senza controindicazioni se non, in sporadici casi, il tentato suicidio o l’esaurimento nervoso del malato/a. Consiste nell’elusione delle pressanti richieste dello stesso malato/a, adducendo scuse più o meno puerili per giustificare il rifiuto.
– Metodo coercitivo : di sicuro successo, senza controindicazione alcuna, viene attuato da una terza parte che fa realizzare al malato/a la sua patetica ed idiota condizione spronandolo a non commettere più lo stesso errore con altri individui. Da utilizzare solo con individui pensanti, dotati di più di due neuroni e non in crisi ormonal-riproduttiva.
– Metodo costrittivo : immediata reclusione del soggetto in ospedale psichiatrico dopo adeguata denuncia alle autorità sanitarie competenti. La cura è lasciata a totale discrezione del medico curante dell’Istituto che ospita il malato/a.

Resto a disposizione per chiarimenti e consigli.
Parlate anche voi delle vostre esperienze, tutto un domani potrà essere utile alla nostra adorata comunità virtuale.
Con auguri di sano rinsavimento,
la vostra
Dott.ssa Black Cat

About Black Cat

Mamma, webmaster, grafica, drogata di motori e felide bastarda.

View all posts by Black Cat →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *