Meloni e pere

Sulla falsa riga della mail che ho ricevuto, chiaramente scritta da una persona che ha interesse nella faccenda di avere in affidamento il mio piccolo ed innocente smily bambino, vorrei raccontarvi cosa mi è successo oggi.
Da un paio di settimane lavoro part time, portando Alexander in ufficio.
Oggi sono arrivata un pochino prima di pranzo, così per non svegliare il piccolo che stava dormendo bellamente, ho chiesto a Pino, che ha già tre figli ed è una persona fidatissima, se gli dava un’occhiata mentre io mi assentavo a mangiare. Questione di venti minuti in pratica…
Quando sono tornata in ufficio ho trovato un cartello appeso con il nastro adesivo alla porta:

SE VUOI RIVEDERE TUO FIGLIO, VERSA € 1.000.000,00 ALLE MAESTRANZE DELL’AZIENDA

Sapete dove si erano portati Alexander? Nel loro locale relax, dove mangiano, riposano e fanno pausa.
Ma non è tanto questo… il fatto più increscioso è che quel disgraziato di mio figlio stava facendo lo show nella sua sdraietta, in mezzo alla tavolata di otto operai metalmeccanici, e, mentre questi gli sfogliavano davanti un calendario di fi@he al vento e bocce gonfiate ad elio, esibiva un sorriso da lupo mannaro ai limiti del cannibalesco.

Tutto suo padre smily

10 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi