Memories

Era l’estate 2007. Un’estate strana.
Il mio ex marito lavorava in Belgio, ed io per stargli vicino, lo raggiunsi insieme ad Alexander, e una pancia enorme in cui si nascondeva mia figlia.
Abbiamo prenotato un villaggio turistico, per il mese di agosto, un villaggio gestito da e per olandesi, principalmente, nei dintorni di Charleroy, dove era impiegato lui.
Dintorni, che in quello stato prendono tutta un’altra accezione. Dintorni sono una sessantina di km per trovare forme di vita parlanti (mucche ne trovavo a ogni angolo).
La città era ormai una necessità, chè quel mese accidenti a noi, a ferragosto si raggiunse l’elevatissima temperatura di 15° ed il resto del mese, io che mi ero portata cose leggere e sbarazzine, avevo il riscaldamento a palla e compravo piumini per me e mio figlio.
Mi facevo lunghi tragitti, su strade meravigliose. Vegetazione altissima ai lati, pareva il set di Twilight…
Eravamo io e mio figlio, e lei che ancora non conoscevo. E sentivamo questa canzone, in loop.
La stessa canzone che, a un primo ascolto casuale, Chiara mi ha chiesto di metterle nel suo iPhone e nella sua chiavetta mp3 oggi, a quasi otto anni di distanza, perchè le dà “serenità, è come se la avessi sempre ascoltata”.
Sorrido, e mi emoziono sempre.

One Comment

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi