Mum

Stasera mio figlio mi ha sconvolta.
Stavamo giocando, prima che lo mettessi a letto per il suo consueto sonnone di 12/13 ore.
Gli rubavo il ciuccio, quando gli cadeva sul lettone, per mettermelo in bocca e fargli i versacci.
Lui mi gattonava velocemente contro, me lo afferrava, strappava dalle labbra e se lo infilava soddisfatto in bocca.
Gli ho fatto la faccina triste, con gli angoli delle labbra all’ingiù e lo sguardo da cucciolo impaurito.
Lui ha preso il ciuccio, se lo è tolto, me lo ha messo in bocca e ha sorriso.

E mi è venuto in mente quanto mia mamma ha sofferto per la perdita lenta e logorante di mia nonna.
E quanto ho sofferto io, nel calvario di mio padre.

Il rapporto filiale è quanto di più grande possa esserci.
Si arriva ad ogni privazione, pur di restituire qualcosa a chi ti dà la vita.

Tags:
16 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi