Privacy eh?

Abbiamo pagato affinchè venisse garantita la nostra tutela alla privacy, giusto? Bene, abbiamo per l’ennesima volta buttato via i soldi.
A febbraio ho contato qualcosa come 19 società diverse che mi proponevano funerali alternativi, monumenti funebri, cremazioni e quant’altro mi potesse servire per mio padre che era ancora caldo.
Tre sere fa a mia mamma è arrivata a casa questa telefonata:



– Buonasera signora, potrei parlare con la signorina …..? (mio nome e cognome)
– No, non c’è.
– Posso parlare almeno con la sua mamma?
– Sono io.
– Sa, signora, abbiamo visto che sua figlia si sposa, sono uscite le pubblicazioni…

E qui mia mamma ha guadagnato diecimila punti!
– Ah si?
– Oddio, signora, non mi dica che abbiamo fatto una gaffe!
– Mah, guardi, non abitiamo insieme, ci vediamo poco e quella stronza non mi dice mai nulla. Ma con chi si sposa?
– Ehm… sa, capita, si sposa con il signor Tony Maestri… cioè, magari se lei la vede io le lascio il nostro numero, sa…
– Per cosa?
– Noi siamo uno studio fotografico, ci occupiamo di matrimoni e cerimonie varie, siamo anche vicini a casa di sua figlia…
– Si, vabbè, mi dia, che se la vedo prima del… boh, chissà quando si sposa, beh, se la vedo prima, le darò il vostro numero.


C’è da dire che vedo mia mamma tutti i giorni escluso il weekend, anche se non viviamo insieme, e che abbiamo riso due giorni per come il tipo è stato preso per il culo.
Dopo questo, ci sono state altre quattro telefonate di studi fotografici, cinque hanno spedito i loro listini e prodotti via posta, il Centro Sposi Paradiso vorrebbe noleggiarmi l’abito, e la Società XY mi propone via posta il suo catalogo bomboniere.
Vedo che sparire dalla circolazione con telefono e indirizzo anonimi per lo meno mi è servito: se avessi aspettato Rodotà mi sarebbe già venuto il sangue marcio.

Written by:

Mamma, webmaster, grafica, drogata di motori e felide bastarda.

Be First to Comment

  1. 23 settembre 2003
    Reply

    Brava la mamma. Perchè, se stessimo a Rodotà, gente come me avrebbe finito di lavorare. Il buon senso è merce rara, di questi tempi.

  2. riccionascosto
    23 settembre 2003
    Reply

    Cavolo! Devo dire che io questi problemi non li ho avuti, per fortuna… e dire che “l’arte di arrangiarsi” dovrebbe essere più attiva al sud! Ma forse è un altro esempio di organizzazione meneghina…. ;).

  3. 23 settembre 2003
    Reply

    Mitica mamma….anche per il giudizio sulla figlia 8-DDDDDDD Ovviamente scherzo (sennò mi manda tony a casa a picchiarmi).

  4. 23 settembre 2003
    Reply

    mio padre avrebbe detto: ho un figlio? (ma mio padre e’ stordito)

  5. 23 settembre 2003
    Reply

    Ma quando dice che si sposa ad ottobre, intende proprio “questo ” ottobre? No, vero?

  6. 23 settembre 2003
    Reply

    in quanto a praivasi me ne starò zitto per evitare di fare figuracce :zzz: :chepirlavero?bacioallagatta:

  7. 23 settembre 2003
    Reply

    Già. Fra 37 giorni Effe. Per il resto non posso pronunciarmi senza rischiare di essere scortese. Credo che la tutela della privacy inerente alla propria vita sia essenziale, almeno, lo è per me. Se mi sposo, lo faccio sapere io (e cavolo, le pubblicazioni su internet le ho fatte da mò!) come voglio io, a chi voglio io. E forse forse gli studi fotografici e il centro sposi ancora ancora li sopporto. I 19 condor pronti a fruire di un momento di dolore per i loro fini commerciali no, si sono sentiti i peggiori improperi del mio repertorio, compresi gli auguri di sfruttare presto il loro stesso servizio. Tsk… Jpm, tu sei un caso patologico senza recupero! :D

  8. 23 settembre 2003
    Reply

    A Tony è andata meglio. Gli è arrivato a casa un catalogo di modelle russe da parte di un’agenzia matrimoniale, caso mai cambiasse idea all’ultimo momento. Lo so da fonte certa: sono il titolare dell’agenzia. (Con questo forse mi sono giocato il tuo monumento, ma ne ho prenotato uno da Tony)

  9. 23 settembre 2003
    Reply

    Quando mi sono sposato io nessuno mi ha chiamato. Uffi… Beh, è vero anche che io non rispondo mai al telefono. In questi giorni perseguita la segreteria telefonica di casa un’altra voce registrata che continua a ripetere: “Attendere prego, la chiamata è stata inoltrata. La chiamata è stata inoltrata. La chiamata è stata inoltrata.” …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *