Quanto la invidio…

Invidio i suoi occhi quando li socchiude, il suo portamento regale e scanzonato, quel modo di fare irriverente e pazzo per cui nessuno le puo’ mai dire nulla, e’ parte di lei. Invidio come si porta in giro i suoi chili di troppo sbattendosene di chi le da’ della grassona, lei e’ comunque unica e lo sa. La sua consapevolezza di piacere e’ proporzionale all’amore che dona, incondizionato, sincero, duraturo. Il modo in cui ti fissa, interrogativo, quella luce arrogante che la illumina mentre osserva le mie mosse, il modo in cui mi bacia, mi coccola, mi consola. La sua curiosita’ innata, quasi come fosse un bambino appena venuto al mondo con la sete di conoscere quello che lo circonda. E’ decisamente una strega. Una strega come me, a cui mi sono legata indissolubilmente per la vita, senza vincoli religiosi o civili, semplicemente una questione di cuore. E mi sono sorpresa a parlare di lei anche a Capodanno, come il mio simbolo di sentimento non incrinabile, tanto per non fare paragone con nessuna persona. Non sono impazzita, e’ la mia micia il mio oggetto del desiderio, in senso affettivo, amichevole, irrinunciabile. La mia cartina al tornasole per le emozioni…quando sono felice, lei e’ la prima a farmelo notare, e da un po’ non smette di fare le fusa :-)

Written by:

Mamma, webmaster, grafica, drogata di motori e felide bastarda.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.