Riflessione lavorativa

Non capisco perchè la mia generazione sia così distonica nelle sfaccettature professionali.
Da un lato persone che lasciano la salute nel lavoro, per primeggiare, realizzarsi, fare carriera.
Dall’altro scansafatiche impenitenti che noncuranti di obblighi, doveri e morale, affossano tutto un processo lavorativo ad unico scopo: il fancazzismo.
:gattariflessiva:

Written by:

Mamma, webmaster, grafica, drogata di motori e felide bastarda.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.