Scuole e sostegno

Sapete… giusto a provocazione… una Sentenza della Corte Costituzionale del 20 Febbraio di quest’anno:

dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 2, comma 413, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – legge finanziaria 2008), nella parte in cui fissa un limite massimo al numero dei posti degli insegnanti di sostegno;

dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 2, comma 414, della legge n. 244 del 2007, nella parte in cui esclude la possibilità, già contemplata dalla legge 27 dicembre 1997, n. 449, di assumere insegnanti di sostegno in deroga, in presenza nelle classi di studenti con disabilità grave, una volta esperiti gli strumenti di tutela previsti dalla normativa vigente.

Lo so, perchè adesso, Scuola, è battaglia legale.

Written by:

Mamma, webmaster, grafica, drogata di motori e felide bastarda.

18 Comments

  1. 6 novembre 2010
    Reply

    Picchia forte, Black Cat!

  2. 11 novembre 2010
    Reply

    al tuo occhio felino non sfugge nulla ;)

  3. 18 novembre 2010
    Reply

    Bello il tuo Blog complimenti, che template usi per WordPress ?

    • Black Cat
      22 novembre 2010
      Reply

      Che ti voglio bene già lo sai… e grazie davvero, un gran bell’articolo! Speriamo la cosa trovi la giusta diffusione. Un baciotto Gas :*

  4. 22 novembre 2010
    Reply

    Incrocio l’incrociabile, ma non ho dubbi che cela farai. ‘Sti stronzi, far sbattere tanto la gente per un diritto che abbiamo tutti. Non lo diresti, ma qui ad Amsterdam nella nostra scuola è stato pure così.

    • Black Cat
      22 novembre 2010
      Reply

      In effetti che in Olanda si sia conciati come qui nel terzo mondo un po’ mi stupisce.. ma sicuro non mollo :*

  5. 24 novembre 2010
    Reply

    Seguo il tuo blog in incognito da alcuni mesi. In te vedo la rabbia di molti genitori che incontro nella mia scuola. A volte, come loro, mi sembri troppo severa, come la maggior parte degli Italiani, nei confronti della scuola. E’ vero che ci sono molti insegnanti ottusi, ma è anche vero che spesso, la scuola combatte battaglie e guerre a mani nude, con disposizioni e leggi che sono belle e giuste, ma poi ci dicono: arrangiatevi. E come se ci arrangiamo, pur sapendo che tutto quello che noi faremo non sarà perfetto. Però diamo tutto quello che possiamo, e a volte anche di più. Ma quello che vorremmo veramente avere è una bacchetta magica che faccia guarire così, subito, tutti quei bambini che affrontano malattie, di cui fino a cinque minuti prima non sapevi neanche che esistessero.
    Ammiro e m’inchino davanti alla tua saggezza di mamma e ti dedico questo brano di
    Emma Bombeck “La madre speciale”

    Molte donne diventano mamme per caso, alcune per scelta, altre per pressioni sociali e forse un paio per abitudine.

    Quest’anno, quasi 100.00 donne diventeranno mamme di bambini handicappati. Non vi siete mai domandati come vengono scelte le mamme dei bambini handicappati ?

    In qualche modo visualizzo Dio veleggiare sopra la Terra e selezionare i Suoi strumenti di propagazione con grande cura e deliberazione. Man mano che osserva, dà ordine ai suoi angeli di prendere appunti nel Libro Maestro.

    “Aemstrong Beth, figlio. Santo protettore: Matteo.

    “Forest Marjorie, figlia. Santo protettore: Cecilia.

    “Rutledge Carrie, gemelli. Santo protettore ….diamo loro Gerardo. E’ abituato alla profanità”.

    Alla fine, passa un nome ad un angelo e sorride, “Dagli un figlio handicappato”.

    L’angelo è curioso. “Perché lei, Dio? E’ così felice”

    “Esattamente”, sorride Dio. “Potrei dare un figlio handicappato una madre che non sa sorridere? Ciò sarebbe crudele.”

    “Ma ha pazienza?” chiede l’angelo.

    “Non voglio che lei abbia troppa pazienza, o affogherà in un mare di rimpianti e autocommiserazione. Una volta svaniti lo shock e i risentimenti, lei sarà in grado di gestire la situazione.

    “Oggi l’ho guardata. E’ così sicura di se stessa ed indipendente, qualità così rare ma così necessarie in una madre. Vedi, il bambino che lederò avrà un suo proprio mondo. La mamma dovrà farlo vivere nel mondo di lei e questo non sarà facile.”

    “Ma Signore, non credo neanche che abbia fede.”

    Dio sorride. “Non ha importanza, Io posso rimediare a questo. Questa è perfetta. Ha la dose giusta di egoismo.”

    L’angelo emette un profondo sospiro. “egoismo ? E’ una virtù?”

    Dio annuisce. “Se ogni tanto non potrà separarsi dal bambino, non riuscirà mai a sopravvivere. Sì, qui c’è una donna che benedirò con un bambino meno che perfetto. Ancora non se ne rende conto, ma è da invidiare.

    “Non darà per scontata neanche una parola. Non considererà mai un passo una cosa ordinaria. Quando il suo bambino dirà “Mamma” per la prima volta, sarà testimone di un miracolo e lo saprà. Quando descriverà un albero o un tramonto al suo bambino cieco, lei vedrà come solo poche persone vedono le mie creazioni.”

    “Le permetterò di vedere chiaramente le cose che Io vedo – ignoranza, crudeltà, pregiudizio e di innalzarsi al di sopra di tutte. Non sarà mai sola. Sarò al suo fianco ogni minuto di ogni giorno della sua vita e sono sicuro che svolgerà il mio lavoro come se fosse al mio fianco.”

    “E per quanto riguarda il Suo Santo protettore ?” chiede l’angelo, con la penna sospesa a mezz’aria.

    Dio sorride. “Uno specchio sarà sufficiente”

    • Black Cat
      24 novembre 2010
      Reply

      Speranza, perdonami, ma se avessi quel “dio” qui davanti, ora gli direi qualcosa che penso tu e molti altri credenti non avreste voglia di sentire.

  6. 24 novembre 2010
    Reply

    Speranza io spero tu abbia il buongusto di ritirare immediatamente quello che hai scritto che è un’immane puttanata.

    lasciate dio dove deve stare, nel nulla, qui c’è una madre che si fa il culo e basta, le serve sostegno non minchiate.

  7. 24 novembre 2010
    Reply

    scusa Barbara, mi sono partite le dita…

  8. 25 novembre 2010
    Reply

    Barbara. Se avessi davanti Dio gli direi delle cose che tu e tutti gli atei di questo mondo non avete mai pensato.

    Monique. Pensi che con la maleducazione e l’arroganza una persona possa conquistare il sostegno e la disponibilità degli altri? Perchè non ti fai un giro e scopri chi era l’autrice che ho riportato?
    Il mondo è grande e vario e ci sono vari modi di affrontare la realtà. Non è che aggredendo si possa risolvere tutto. Non è mica colpa degli altri se alcuni nascono speciali.

    • Black Cat
      25 novembre 2010
      Reply

      Speranza, parlaci tu, e tutte le persone come te che ritenete le sofferenze un dono speciale. Per me, e gli altri atei, restano comunque una merda. Una cattiveria. Un maltrattamento che, se il tuo dio esiste, ha inflitto a mio figlio e a tutti gli altri bambini che soffrono. E detto ciò, visto che non ho voglia di parlare di religione, chiuderei il discorso.

  9. 25 novembre 2010
    Reply

    Speranza siccome io conosco Barbara e tu no tappati la bocca, che forse lo so meglio io di te cosa è meglio per lei. se credi che l’aiuto di cui ha bisogno Barbara possa arrivare da dio, beh tu prega e non sfangare i coglioni a chi non crede. puoi anche indossare il cilicio, fustigarti liberamente, andare in pellegrinaggio a santiago, l’importante è che tu non venga a rompere le palle a Barbara.

    detto questo non me ne frega un beneamato cazzo, e quanto lo amo lo so solo io, di chi ha scritto quella cosa. il solo fatto che tu venga a riportarla sul blog di una persona che lotta quotidianamente contro un qualcosa che non ha voluto nè cercato è una roba talmente idiota che non riesco ancora a credere che tu l’abbia scritta.

    la gente come te è la vera causa di tutto questo, gente che affida la propria esistenza a un qualcosa che non esiste, solo perchè non è in grado di affrontarla da sola. gente che si oppone alla ricerca medica che, forse, potrebbe prevenire o curare questa ed altre patologie.

    estinguetevi per cortesia, in fretta. grazie.

  10. 25 novembre 2010
    Reply

    Gentile Barbara,
    Non volevo assolutamente offenderti nè tantomento convertirti. Ognuno è libero di fare o credere quel che vuole.
    In quel brano, che per certi versi trovo terribile, vedo te nella figura della mamma che lotta e che sorride per il proprio figlio.
    Conosco bene queste situazioni, come insegnante e come zia di una nipote che da quando è nata, ora ha 16 anni, che con la sua famiglia combatte e lotta la burocrazia, la stupidità, l’ignoranza e il razzismo in tutte le sue forme.
    Mi scuso se ti ho offeso. Auguri a te e alla tua famiglia.

  11. 21 dicembre 2010
    Reply

    Barbara. Se avessi davanti Dio gli direi delle cose che tu e tutti gli atei di questo mondo non avete mai pensato. Monique. Pensi che con la maleducazione e l’arroganza una persona possa conquistare il sostegno e la disponibilità degli altri? Perchè non ti fai un giro e scopri chi era l’autrice che ho riportato? Il mondo è grande e vario e ci sono vari modi di affrontare la realtà. Non è che aggredendo si possa risolvere tutto. Non è mica colpa degli altri se alcuni nascono speciali.

    • Black Cat
      22 dicembre 2010
      Reply

      Cara, caro, anzi, cari, visto che solitamente vi firmate in maniera diversa… Mi è dato chiedere perchè gli ultimi vostri tre commenti arrivati dallo stesso ip, hanno nomi di fantasia, con link a siti inesistenti, riportano paro paro commenti tre righe più su, e poi vi firmate con altri nick? Giusto per sapere. Che lo so che Sharon è Marisol, è kri, è gio… Personalità multiple?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *