Scusatemi

Ma io non mi sento in lutto.
Non meno delle altre volte.
Mi sembra un eccesso di presenzialismo tutto il parlare di una singola tragedia quando se ne sono consumate ben più grandi.
E mi fanno schifo i telegiornali, pronti a mandare le vecchie interviste ai ragazzi defunti e a intervistare i parenti per fare audience su persone MORTE.
Non tollero l’ipocrisia di chi si rende conto solo adesso che c’è una guerra, perchè muoiono 19 dei nostri ragazzi, quando più di un centinaio di altre etnie e nazioni (senza contare i morti locali) hanno perso la vita in Iraq.
Cos’erano? Solo merde da calpestare gli altri? E i nostri tutti fiorellini di campo?
Erano tutti uomini degni dello stesso rispetto e della stessa attenzione, ma come ogni sacrosanto avvenimento di cronaca, quando avviene fuori dallo steccato del nostro fiorito giardinetto, ci tocca un po’ meno, e quasi lo dimentichiamo.
Noi paraocchiati.
Che riposino in pace. Tutti.

Written by:

Mamma, webmaster, grafica, drogata di motori e felide bastarda.

Be First to Comment

  1. 13 novembre 2003
    Reply

    Credo che per la gente comune sia inevitabile piangere i “propri” morti in modo più evidente. La tristezza della morte è inversamente proporzionale alla distanza che separa da essa. La rabbia, se così posso chiamarla, invece -dovrebbe- essere la stessa.

  2. 13 novembre 2003
    Reply

    Posso essere brasiliano per una settimana?

    su, solo una settimana, tempo di dimenticare il mio paese.. non chiedo tanto. in primis, il mio ‘paese unito e forte‘ é stato definito dal vicepreseidente ammeregano come ‘l’alleato numero

  3. Puccia
    14 novembre 2003
    Reply

    Sono pienamente d’accordo con Blackcat…sembra che i nostri telegiornali, trasmissioni televisive ecc…non aspettino altro che avvengano queste tragedie per poterne trarre profitto…E’ sempre la solita storia, tanta ipocrisia e basta!

  4. 15 novembre 2003
    Reply

    L’equazione di Gattostanco è tristemente vera. Ma la morte fa parte della guerra, se lo ricordi chi queste guerre le decide e le appoggia. Brava Gatta.

  5. 15 novembre 2003
    Reply

    Bellissimo “articolo” il tuo, Black Cat, condivido in toto. Comprese le tre morti bianche di media al giorno ke la stampa continua a ignorare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scusatemi…

Written by:

Mamma, webmaster, grafica, drogata di motori e felide bastarda.

Be First to Comment

  1. 23 ottobre 2003
    Reply

    ma lo hai creato tu quel blog???

  2. riccionascosto
    23 ottobre 2003
    Reply

    Gattona… sei impagabile!!!!! (ea nche un po’ perfida, direi) ;)

  3. 23 ottobre 2003
    Reply

    Si fa quel che si può cara Riccio, per ovviare a questo fiume di pioggia con un sorriso ;-)

  4. 23 ottobre 2003
    Reply

    io pensavo di essere discretamente scemo ma con molta ammirazione scopre che i miei limiti vengono sorpassati!

  5. 23 ottobre 2003
    Reply

    Bimbo, ti avevo avvisato che il nostro anno di nascita era sintomatico di pazzia! :D

  6. 23 ottobre 2003
    Reply

    Dico, altro che il boog della Soncini!

  7. 23 ottobre 2003
    Reply

    Beh, sì, era “blog”. Ma forse anche “boog”

  8. 23 ottobre 2003
    Reply

    gatta, hai un ascendente sulla regina del tortellino? che tenga giù le sue zampaccie sporche di carne trita da un certo pancino, sgrunt! :D :D

  9. 23 ottobre 2003
    Reply

    non nominate i tortellini…sto perdendo peso e ho fame……..aaaahhhhh…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *