Snack time!

Il pomeriggio è sempre un dramma l’ora della merenda.

Con Alexander non ho problemi, frutta, gelato, merendine, focaccine, pizze, biscotti, mangia praticamente tutto.

Per la piccola Chiara invece vado in crisi.

La signorina non mangia quasi nulla di preconfezionato, men che meno omogeneizzati. L’unica volta che, essendo in viaggio, gliene ho dato uno, me lo ha vomitato stile Linda Blair nell’esorcista.

Io sono una mamma attenta, perciò solitamente comincio con una pappa biologica (Holle ed Hipp fanno cose grandiose, pronte da sciogliere in brodo o succo di frutta) a base di frutta. Due cucchiai e poi si mette la mano in bocca per non far passare il cucchiaino :|

Vabbè amore, ti do il succhino di frutta, quello per la tua età, Nipiol, Plasmon… sput! Sputa tutto, prende il biberon, lo sparge sul tavolino e poi ci disegna. :|

Per fortuna che c’è la frutta fresca, in questo periodo ha la fissa delle prugne gialle, ne prende una e se la mangiucchia sino al nocciolo. Ma quando non sarà più tempo di prugne?

Oggi ho avuto la risposta.

Ha preso il gelato di suo fratello, un Togo Noir al cioccolato fondente, amarissimo, e dopo pochi minuti mi ha reso lo stecchetto. Non mi preoccupo più. Ho deciso.

4 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi